Benvenuti!!

       Prossimi appuntamenti

 
 
 
 

Sabato 11 giugno 2022, dalle17.30

Presentazione del libro

“Il dialetto della ferrovia”

con Andrea a Marca

Sabato 18 giugno 2022

Concerto con

“Duo Valla Scurati”

Sabato 28 maggio 2022, dalle 20.00

Concerto con

“Effimere corde”

Chiesa Santa Maria del Castello, Mesocco

LUGLIO

 

Mostra fotografica a Lostallo

 

1 - 30 giugno 2022

Mostra fotografica 

“Voce degli occhi”

Nella sala dell’ex ufficio postale a Lostallo

 

Pubblicazioni in vendita

Torna alla Home

Cari amici,

La stagione 2022 dei Concerti del Centro Culturale di Circolo si sposta da Soazza a Mesocco 

nella bellissima chiesa di Santa Maria situata ai piedi delle rovine del castello.


Entrata libera, offerta gradita

 

A tutti il più cordiale benvenuto.

Effimere Corde 28 maggio 2022 

Chiesa Santa Maria del Castello, Mesocco ore 20.00


Effimere Corde è un ensemble specializzato nell'esecuzione storicamente informata del repertorio rinascimentale e del primo Barocco. La formazione nasce nel 2017 dalla comune passione per la musica antica da parte dei suoi componenti, decisi a promuovere e valorizzare in particolare gli strumenti della famiglia del liuto, come tiorba, chitarra barocca e arciliuto e la loro nobile tradizione.

L'ensemble propone programmi sia strumentali che vocali legati al Rinascimento e al primo Seicento con organici variabili, dal duo di liuti a formazioni più ampie che si avvalgono della collaborazione di altri strumenti.


Cristina Verdecchia: arciliuto. Francesco Zoccali: chitarra barocca. Sofia Ferri: tiorba. Anna Rita Pili: soprano.

Torna alla Home

L’adesione della Svizzera alle Nazioni Unite; un ghiacciolo sulla luna; oppure ancora: la bicicletta di Einstein; le api in città; i calzini dei politici. «A occhio e croce» è un quaderno di appunti; è uno sguardo personale su alcuni dettagli della Svizzera; è una raccolta di immagini scattate dall’autore durante il suo lavoro come giornalista a nord delle Alpi. Un libro fatto di piccole storie, di incontri, di ricordi e di qualche paradosso.
«Tantissimi gli episodi: alcuni rispecchiano l’ufficialità della politica, altri descrivono minuscole realtà, altri testimoniano l’unicità di certi personaggi. Tutti ci aiutano a capire un paese, la Svizzera, che si regge sui contrasti: forse è proprio il paradosso la condizione della sua esistenza».
(Dalla prefazione di Andrea Ghiringhelli)

Saul Toppi è nato a Sorengo nel 1968. Ha studiato filologia latina, letteratura italiana e latino medievale all’Università di Zurigo. È giornalista alla Radiotelevisione svizzera dal 1996. Per dodici anni è stato corrispondente RSI a Berna, dapprima per la radio e poi per la tv. Attualmente lavora a Zurigo come corrispondente per il telegiornale.

Torna alla Home
Torna alla Home